sabato 27 aprile 2013

auto...stop!

Quali sono le soluzioni per ridurre le spese, per una giovane famiglia del 2013? Cosa fare prima che la tanto nominata crisi prenda il sopravvento? Come ingegnarsi per riuscire a sopravvivere degnamente (visti i lavori precari di entrambi i genitori blablabla)?
Pensa e ripensa, pensa e ripensa:
1. uscite e pizze ridotte (anche perchè con una nana in casa si tende a frequentare soprattutto le case degli amici): la focaccia ce la facciamo noi a casa.
2. biciclette tolte dal garage: la mia, molto più leggera e snella, è parcheggiata sul balcone; quella sua in un mini sgabuzzino-stanzino del palazzo.
3. i capelli ce li tagliamo da sole...e vabbe', qui ci sarebbe molto da dire. Io per ora ho deciso di lasciar via libera ai capelli. Per quanto riguarda lei, la nana...beh...insomma...ci abbiamo dato un taglio! Sì, solo che gliel'ho dato io, con l'aiuto del papà che prendeva la misura...benedetti capelli ricci, che non fanno scorgere le diverse lunghezze!
4. peluria...fai da te!
5. e poi viene lui, il punto dolente...l'auto, anzi le auto.
Ne abbiamo due. Una "mia" (sì, lo so, in famiglia si dovrebbe usare la parola "nostra"...però, che ci posso fare...la considero mia, è stata, come dire, la mia "dote di matrimonio", l'auto mia nuova acquistata da sola...ehi, che ho finito di pagare le rate nel vicino 2010!). Finora  entrambi indispensabili all'ennesima potenza. Con la variazione di sede del lavoro di Fra', le cose hanno preso una piega diversa: due auto, forse tante, la benzina costa troppo, due assicurazioni...hmmmm....così dopo tanti - ma tanti proprio - ragionamenti, siamo arrivati alla conclusione definitiva che avremmo potuto provare a fare a meno di una. Logicamente la scelta è caduta sulla piccola, su quella a benzina, sulla MIA! 
 Come spiegarvi...il distacco è stato duro!
Sembrerà sciocco...lo è.
Sono attaccata alle mie cose...però, cerchiamo di capirci: ho la patente dal lontano 1996, ho guidato da subito, all'inizio prendevo la macchina dei miei. Quando ho potuto provvedere a me stessa, ho preso una bella pandina rossa old-style, pagandone solo il passaggio di proprietà, l'assicuraz.e il bollo  (i proprietari non volevano altri soldi). Quando la pandina ha cominciato a perdere colpi, ho acquistato lei! con lei ho viaggiato per lavoro e per piacere: sono arrivata a Roma, Catania, Firenze, Napoli (dimenticandomi le chiavi dentro, di domenica pomeriggio, con le sicure abbassate, e dovendo cercare uno scassinatore del luogo per smontare il finestrino). E poi Lecce, il profondo Salento, le Marche...
Per me auto è sinonimo di libertà, di autonomia. Fuga. Indipendenza. L'auto è la mia parte maschile. C'era quando mi serviva, non dovevo incastrare orari o passaggi. Lei c'era.
Ora, probabilmente ce la faremo, come ce la fanno un sacco di famiglie. E se consideriamo che comincia a far quel caldo che reputo adatto per trasportare la nana, allora la biciletta sarà la nostra salvezza.
Però...però...mi manca.

12 commenti:

  1. non è sciocco essere legati agli oggetti affettivamente...poi un'auto rappresenta l'indipendenza...1 sorriso consolatorio

    RispondiElimina
  2. ti capisco! noi per ora abbiamo una soluzione fantastica: una auto è la nostra, l'altra è quella di mia mamma! in pratica abbiamo fatto una specie di espropio proletario... per ora va bene ma dovremmo comprarne un'altra purtroppo! con quello che costa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mannaggia, mia madre ha fatto la stessa nostra scelta...ha rinunciato alla sua e ora..una sola auto anche loro. Però nel loro cortile ho scorto il mio vecchio motorino...quasi quasi...hmmmm...

      Elimina
  3. Nonni e' una rinuncia da poco e non per la comodità, ma per l'affetto. La mia a benzina, per ora e' parcheggiata dentro il garage, proprio per risparmiare su assicurazione e bollo, quando la guardo mi scappa una lacrima. Un pochino esagerata lo so, ma non posso farci niente!!! :-((((

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, se lo vuoi sapere...ho versato la lacrimuccia anche io...gli occhiali da sole mi hanno salvata!

      Elimina
  4. Ti capisco. L'auto, libertà e indipendenza.

    RispondiElimina
  5. :-) dai... dai che ce la fai anche senza di lei. e inoltre con la bici inquini meno e non devi nemmeno pagarti la palestra!! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheh! effettivamente da oggi nuova vita! e sai che muscoli alle cosce quest'estate? :-)

      Elimina
  6. Anche io ero dispiaciuta quando ho venduto la mia mitica 600!
    Ne scrissi un post...lacrimevole, ma anche un po' comico!
    Ma io ho usurpato Papozzo dell'ammiraglia di famiglia, relegandolo al suo furgone, almeno nei giorni di lavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io effettivamente, quando non potrò usare la bici, mi approprierò dell'auto del pater familias...tanto...quel che è suo è mio, no? :-D

      Elimina

Domande che richiedono preparazione

Dopo " da dove escono i bambini " siamo passati a " perché siamo fatti così? " (non è che esiste una puntata di Sia...