Passa ai contenuti principali

part....o rest? :-)

*
* c'è un errore nel disegno...chi lo trova?...che figura...

più soldi...meno soldi...stessa quantità di non soldi...un buon non compleanno...un cattivo compleanno...
Per ora dilemma risolto: sotto "proposta" di qualcuno tutti a part-time: ma così non è stato perchè giustamente non a tutti andava bene, non per tutti era la soluzione migliore (togli ora che dobbiamo salvare le sorti della coop., non è il part-time che rivoluzionerà il mondo, lo sappiamo tutti, ma le scelte che si fanno-faranno). Siamo o no un gruppo di 5 soci lavoratori? Bene, ora ne siamo 4: tre part-time e un full-time - poveretto, credo che passerà un brutto periodo...insomma, non che a noi andrà meglio. Ho voluto dar fiducia a questo part-time, sperando che non lo sia solo nello stipendio, ma anche nelle ore...vedremo.
Comunque, come recitava la campagna del nostro sindaco...da mo' vale!
Da mo' vale che devo riappropriarmi dei miei spazi, che devo imparare a dire di no - tanto comunque non ti torna nulla in tasca, non ti fanno un monumento, non ci sono "grazie" - che devo rimboccarmi seriamente le maniche per il mio futuro, anche se tutto intorno recita che sei spacciato: e c'è la crisi, cari...la crisi...termine che deriva dal greco e che significa scelta, cambiamento traumatico e stressante per un individuo, oppure situazione instabile o pericolosa (wikipedia mi è venuto incontro)...scelta....hummm...
E in più sei spacciato perchè...hai più di 35 anni? Allora non puoi più:
1. partecipare a alcuni bandi
2. chiedere prestiti per l'acquisto casa
3. partecipare ad alcuni concorsi di illustrazione
4. rispondere a talune offerte di lavoro
5. concepire figli (o meglio, tutti dicono che è molto più difficile...diciamo che l'avevo capito)
Non fa nulla se ti senti giovane, se ti scambiano per una ventenne...tu hai compiuto 35 anni, per cui...STOP!
'Sto pensiero mi ha mandato in paranoia l'altra sera, di brutto (ho o non ho un linguaggio giovane?)!
Marta...mannaggia...vorrei darti mille consigli, ma sinceramente non saprei, non saprei da dove cominciare, nè saprei bene cosa dirti: un periodo storico è diverso da un altro, le tue scelte magari saranno ottime, e soprattutto so che saranno solo tue, come i nostri genitori hanno fatto con noi. Vorrei dirti "stai attenta"..ma a cosa? spero solo che tu possa essere una persona con un bel pizzico di responsabilità, quella giusta che non ti farà fare cavolate irrecuperabili; con un bel po' di autostima; con tanto rispetto verso gli altri - fa' niente se tutti gli altri non lo avranno sempre per te...tu puoi essere migliore di tutti gli altri; una persona forte (nelle tue decisioni) e delicata nell'approccio con l'altro. Con tanto senso dell'umorismo per poter sdrammatizzare i momenti critici. Una persona che guarda sempre in avanti, curiosa. Una donna con il sorriso sulle labbra, una persona migliore.
Sono grandi aspettative? Mi piace immaginare che sarai così, che non ti sciuperai.

Tutto questo è cominciato da un discorso sul part-time? ma guarda tu cosa fa il lavoro...




Commenti

  1. Come ti capisco Gab. Ieri è stato il primo giorno di lavoro (di nuovo!) con un nuovo committente e di anni ne ho 42! Però, se hai visto il mio post di oggi, mi sono promessa che non è possibile che il lavoro mi riduca come ero qualche giorno fa. E quindi mi reputo una miracolata ad avere ancora un lavoro, ma con lo sguardo rivolto oltre.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, ho letto...mi piace lo sguardo rivolto oltre:-)
      ma quindi non più biblioteca per te?
      io comunque...speriamo che me la cavo! eheh!

      Elimina
  2. quanto ti capisco...io ho pochi anni di meno ma vivo lo stesso senso di smarrimento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. siamo una forza controcorrente, eheh!

      Elimina
  3. par-time invece che part-time nel disegno ;) ma non fa nulla, siamo più o meno sulla stessa barca :( c'è solo da rimboccarsi le maniche e non pensare che si andrà ancora più giù ma non è sempre facile. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ;-)
      sì, pensiamo che si può risalire...magari la nostra era sarà nera, ma per i nostri nani andrà meglio, dai!

      Elimina
  4. Part time. ...o one-time all'anno, sfighe di qua sfighe di là...tutti ce la faremo, prima o poi ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ;-)
      me, vieni preparata oggi pomeriggio!

      Elimina
  5. Deve andare meglio, deve farlo per forza, soprattutto quando ci si mette tutto l'impegno e tutto il cuore di cui siamo capaci...qui e' un momento di grandi cambiamenti, forse sarebbe più giusto dire rivoluzioni, non c'è più niente di certo e tutto e' attaccato ad un filo molto sottile. Alla fine non so se e quanto sopravviveremo ma io fino all'ultimo non mollo. Un abbraccio molto solidale.

    RispondiElimina
  6. vedo che oggi è una giornata un po' no per tutte....mal comune mezzo gaudio??!!
    quello che ti auguri per tua figlia lo condivido in tutto e per tutto!!

    RispondiElimina
  7. Ma finirà prima o poi questa crisi!
    Speriamo!

    RispondiElimina
  8. tutta la mia solidarietà, dalla prima all'ultima riga, e se ti pu consolare concepire sta diventando difficile se non traumatico anche per me, che di anni non ne ho nemmeno trenta.
    e quali sono i concorsi di illustrazione a cui non puoi partecipare in quanto trentacinquenne? dimmi, dimmi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, questo è uno...l'altro non ce l'ho più in cronologia. E poi...il premio internazionale di illustrazione della fiera del libro di bologna...sob!!!

      Elimina
  9. io ho trovato l'errore che errore non è dal momento che tra poco ridurranno anche i part time! :( Speriamo solo che questo periodo sia al piano terra e.dunque non si può fare altro che risalire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheh, grazie per la tua giustificazione, mi sembra adeguatissima! :-)

      Elimina
  10. Io sono una pessimista per natura ma leggendo te e altre mamme blogger che ho conosciuto in rete sto diventando più ottimista: come può un paese con donne così in gamba, andare sempre peggio??
    No, non è possibile, tenete duro come tengo duro io e risaliremo la china.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prendo un po' del tuo ottimismo e lo faccio mio :-)))

      Elimina
  11. cavoliiii.... io sto per compiere 35 anni, e mi cambia la ritenuta d'acconto per la cessione del diritto d'autore :D

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva