Passa ai contenuti principali

scende la pioggia

Perchè un giorno, osservando la pioggia, ti viene l'idea malsana (come penserebbe mia madre...che a volte si dimentica di essere stata madre una volta, per la prima volta) di andarla a prendere dall'asilo con calosce e ombrellino. Perchè sai che lei adora le calosce e ancor più saltare nelle pozzanghere. Così esci: calosce, le sue, ben chiuse e ombrellino, il suo, quello con il manico a forma di alce.
Prima ti prendi un caffè con una tua amica: in un giorno di pioggia, un caffè caldo e un'amica con cui discutere per 5 minuti di "affari" :-)
Arrivi a scuola, lei ti corre incontro, ma la sua gioia è ben più grande  quando scorge loro, le calosce!

Abbiamo percorso la strada da scuola a casa in 40 minuti, fermandoci a osservare ogni pozza d'acqua, valutando, quando ci andava bene, se fosse il caso di saltarci dentro, o se si poteva semplicemente attraversare con nonchalance. Che poi le pozzanghere di città non son mica pulite! 
Lei camminava avanti, io dietro. Il suo ombrello era per lo più decorativo: troppo faticoso reggerlo sulla testa. A metà strada l'avvertimento: "mamma, ho la pipì". Resisti Marta, ti prego....ma nonostante la pipì "in punta", il fascino dell'acqua intorno era superiore. Così come fermarsi a salutare gli amici meccanico-elettrauto-carrozziere sotto casa. La pipì resta in lei, per fortuna, ma a una nana di poco più di due anni e mezzo non si può chiedere troppo, per cui, alla vista del wc...se l'è fatta sotto!
Il mattino dopo Marta s'è svegliata con naso gocciolante e io con il virus influenzale (mia mamma, sempre la stessa di prima, darebbe la colpa alla mia idea geniale)...però...cavolo...che bellezza vederla così felice e "incosciente"!

Commenti

  1. sembrano le nostre passeggiate di rientro dal nido! anche michy adora le sue caloche rosse e il suo ombrellino rosso. ovviamente non gli sfugge nemmeno un pozzanghera e il tempo per tornare a casa raddoppia anche per noi...però vuoi mettere quanto si diverte??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheh! sì, infatti, il viso era super sorridente, dopo una dura giornata di lavoro.

      Elimina
  2. vedi... io non ho le calosce e confino i salti nelle pozzanghere alle avventure di peppa pig!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mannaggia a peppa pig, tutta colpa sua! ma la mia "si tuffa" anche senza calosce, nelle pozzanghere!

      Elimina
  3. che bella, mi è sembrato di vederla... del resto è una passione anche da queste parti... spero però che guarirà presto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...dici che con la pre-adolescenza ne saremo fuori? in realtà...a me...piace ancora!:-)

      Elimina
  4. Noi domenica mattina abbiamo fatto lo stesso: senza stivali di gomma però :D! Babbo Natale aveva portato gli ombrelli e finalmente domenica diluviava.
    Ecco...
    Mai più! Giuro, mai più tre figli con tre ombrelli: una follia :D!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. immagino...una è stata dura da controllare...tre ombrelli nani in giro occupano tutta la strada e perdi il controllo, eheh!

      Elimina
  5. L'influenza arriva lo stesso se vuole!!!! Saltare sulle pozzanghere lo adoro anch'io!!!!
    P.S. Non mi sono scordata del nostro progetto....sono solo in mezzo alla bufera...appena ne esco, e' la prima cosa che farò!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tranquilla mari! beh, indossa le calosce anche tu nella bufera!

      Elimina
  6. ciao ti ho conosciuto grazie ad un link su facebook ti seguo volentieri se ti va vienimi a trovare ciao rosa su kreattiva

    RispondiElimina
  7. :))) Che carine!!! Sai, vero, che la colpevole di tutto ciò è Peppa Pig, che appena può salta nelle pozzanghere???

    RispondiElimina
  8. Che bellissima la nuova heading del tuo blog!!
    Non passo da un sacco e mi trovo sta bella novità! :D
    Grande gab...a nome di tua figlia per i salti nelle pozzanghere che si è fatta!:D

    RispondiElimina
  9. Le gnome adorano le pozzanghere! Io, invece, no...
    Poi tocca fare una lavatrice extra per colpa degli schizzi, perchè nelle pozze si salta rigorosamente insieme!!!!

    RispondiElimina
  10. mio figlio adora l'acqua, sembra quasi il suo elemento naturale... dalle pozzanghere alla piscina ci sguazzerebbe tutto il giorno :-)
    Hai avuto una bellissima iniziativa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. marta, adora le pozzanghere, ma pur avendo una mamma (ex)insegnante di nuoto...niente, per ora l'acqua del mare e della piscina sono roba lontana...

      Elimina
  11. Beh magari i malanni ti hanno insegnato che è un'esperienza che è meglio non rifare... Ma che almeno una volta valeva la pena di fare!!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehmmm...mi sa che ci riproveremo...magari in primavera...:-)

      Elimina
  12. Di solito sono io che salto gioiosa nelle pozzanghere, mentre il bambino di pongo mi guarda perplesso e asciutto dal bordo-pozzanghera.
    Mi auguro che almeno la mia bambina nuova nuova sia un po' più selvaggia, come me, e diventò mia compagna di avventure.
    Il bambino di pongo e il rospo alfa li lasceremo là, lindi e puliti, in compagnia delle loro perplessità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai che la mia bambina fa così quando si tratta di impiastricciarsi le mani? mi guarda schifata e fa la schizzinosa....!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva