venerdì 31 agosto 2012

futuro

...forse scatenerò polemiche, forse verrò ignorata, forse qualcuno si incuriosirà...scrivo per sfogo...scrivo per uno sfogo romantico (alla mia maniera).
c'ero, nel 1995, nel 2000, e con il pensiero e il cuore anche oggi.
Tra mille meditazioni inutili, tra mille preoccupazioni insulse, tra mille nervosismi quotidiani, tra mille paranoie...c'è gente che lotta quotidianamente per ideali grandi, per costruire qualcosa di importante, che lotta in silenzio, che si sporca le mani al di là di ogni difficoltà, indipendentemente dal credo religioso, al di là di ogni fede o non fede, oltre ogni età.
Fanno cose grandi, hanno fatto cose grandi, ma nessuno lo sa...lavorano in silenzio, nei posti in cui si trovano...e nessuno lo sa...ogni tanto fanno festa, e contagiano molti...
Io c'ero, ci sono, anche ora, con i miei 35 anni, con una bimba e un marito (che ha condiviso e condivide ancora con me...anche se non ce lo diciamo)...ero sola, nella massa...forse l'entusiasmo è scemato, forse la vita mi ha portata a: preoccuparmi troppo, meditare inutilmente, innervosirmi per sciocchezze, a farmi paranoie...ma oggi sento di poter dire che ci sono. E che ricominciamo

giovedì 16 agosto 2012

15 agosto

Ho finito di lavorare ieri mattina: l'ennesimo cortometraggio che porterà solo gloria, ma niente denaro. Il regista questa volta non uno di noi, ma Paolo Sassanelli. Il corto drammatico...una storia forte, dura...temevo per la bambina (il mio spirito di mamma ad un certo punto ha preso il sopravvento); lei l'ha presa bene, non credo abbia preso coscienza di quello che stava girando, della parte che stava interpretando; forse perchè piccina, forse perchè c'eravamo noi a "distrarla" (non sempre cosa buona e giusta), forse perchè nel dietro le quinte spesso i momenti drammatici si smorzano. Sono curiosa di vederlo montato...secondo me sarà un bel lavoro.
Parte della troupe di Roma: due gruppi a contatto, molte difficoltà da superare, causate dall'integrazione, differenti metodi  di lavoro, differenze caratteriali. Per fortuna solo tre giorni (7 giorni concentrati in tre giorni).
Alla fine ringraziamenti e abbracci (alcuni di convenienza). Io non amo i saluti, sono andata via dal set con un ciao generale, salutando i pochi con cui ho avuto veramente stretto contatto durante le riprese (le donne del mio reparto, la piccola attrice e la mamma, e qualche altro).
Ho assistito una costumista: difficile, ma utile. Utile perchè carpisci i metodi, i modi (anche se non sempre condivisi), le scelte...da domani sarò una costumista diversa, anche se continuerò a fare mille errori....però una lunga gavetta mi manca, per cui, ci sta bene prendere anche i cazziatoni (se pure a volte ingiustificati).

Ancora niente vacanze...siamo alla disperata ricerca di un posto dove "traslocare temporaneamente" la settimana prossima, un posto che:
- sia economico
- disponga di un minimo di comodità
- sia praticabile da bambini
- sia economico
- sia interessante da vedere,visitare, assaporare
- per arrivarci non devi fare migliaia di km
- sia raggiungibile in auto
- sia economico
- sia bello

- sia economico

- possibilmente abbia il mare
- se non dispone di mare bello nelle vicinanze, che abbia un quadrato d'acqua per potersi bagnare
- sia economico

la ricerca è difficilissima, soprattutto se si considera che mancano pochissimi giorni alla data della possibile partenza (come al solito, fregatura da lavoro del capo di famiglia...capo...?).
Io la mia scelta l'ho fatta, devo solo convincere lui....IL CAMPEGGIO! una bella tenda da 4, di quelle facili da montare (ce ne sono di super economiche in giro). Posti liberi per tende ci sono, soprattutto dopo ferragosto, e si risparmia, e puoi permetterti anche di mangiare fuori, senza doverti portare pentolini e arnesi vari da cucina. Lui non ama particolarmente questo tipo di vacanza, anche se da giovani l'ha fatto (penando un po'), perchè per lui si dorme scomodamente (ma dai! ora ci sono i fantastici materassini!), si suda (ma dai, i campeggi buoni hanno la pineta!)...insomma...però, cavolo, tu caro marito sei ripartito per lavoro stamattina, tornerai a casa il 18, il 19 vorremmo partire perchè i giorni a nostra disposizione sono limitati. Sono sola a organizzare la vacanza con la nana...cosa devo fare? 

Vabbe', ora è tardi per pensarci, arresto il sistema (il mio) e me ne vado a dormire, non prima però di raccontare al volo il nostro ferragosto: io, marta e taaanti nonni. I nostri, i suoi e quelli delle sue amichette nane. Abbiamo accettato l'invito dei miei ad andare a mangiare in un agriturismo qui vicino (altrimenti sole solette a casa) con l'allegra compagnia: 20 persone, appunto io, marta e 18 nonni e bisnonni. Tutto sommato giornata abbastanza piacevole, posto rilassante, no piatti da lavare, e la mia nonna che ha pagato per me (eheh, il mio animo tirchio è stato premiato).

alias: le famose oche del campidoglio, trasferitesi in Puglia 







sabato 4 agosto 2012

I.L.E. ( e non le ranocchie)

INSOSTENIBILE...LEGGEREZZA...ESTATE...
hmmm...sono stata a rifletterci a lungo e poi ho pensato "mica mi è stato chiesto di fare un trattato di filosofia!"; così ho pensato di buttar giù tutto ciò che mi viene in mente (un brainstorming, che fa rima con blogstorming).
Siccome non son tanto brava a scrivere, cercherò di colmare le mie lacune con i disegni delle scorse estati, così, tanto per farvi immergere in quella che "è stata(da marta in poi)-è-spero non sarà a vita" la mia estate:


A) agosto 2009
alle prese con una gravidanza scoperta da meno di un mese, ricerca di casa (troppo piccola quella in cui abitavamo prima della nana), faccende domestiche. Due settimane di ferie trascorse a casa: no vacanza, solo puntatine a mare, con le amiche, perchè lui era a lavoro (l'estate è il periodo "peggiore" per i fonici-l'estate è il periodo "peggiore" per i fonici-l'estate è il periodo "peggiore" per i fonici...sì, vabbe', l'estate...allora perchè non facciamo le vacanze a novembre? perchè anche novembre è il mese peggiore per i fonici...e anche pasqua, e anche dicembre, e anche le domeniche, e anche...)


B) agosto 2010
casa nuova, inquilina (marta) nuova, fine maternità a giugno...due settimane di ferie trascorse per lo più a casa, facendo piccole puntatine a mare e una parentesi di 4 giorni di libera uscita del marito, perchè si sa: l'estate è il periodo peggiore per i fonici...




C) agosto 2011


stessa storia...più una piacevole parentesi a perugia: prenotazione fatta qualche ora prima di partire, perchè fino al ritorno a casa del marito, un lunedì di agosto all'1 di notte, ancora non ci era dato da sapere se era in libertà vigilata, o libera uscita,  o niente di niente...
Dimenticavo! anche breve viaggetto di tre giorni nel salento, per avvicinarsi al luogo di lavoro di F.: io, Marta e la mia amica Angela. Vacanza in hotel due stelle, camera tripla, relax (Marta permettendo)...


D) agosto 2012


?

io non demordo, ci provo, anche se, si sa, l'estate è il periodo "peggiore"...blablabla. Nel frattempo sto continuando a lavorare, dal 14 dovrei essere in ferie, mi godo il parcheggio facile sotto casa quando rientro, la strada non trafficata, la passeggiata in riva al mare con la nanetta, prima di cena (abitiamo di fronte alla spiaggia cittadina...non sarà il mare più pulito del mondo, ma...io considero questa abitazione una figata! torni, abbandoni borse-computer-scarpe e corri giù...immergi i piedi in acqua, giochi con la sabbia, per un attimo accantoni le mille cose da fare (pulizie,ulteriori lavori, cena) perchè vuoi che quei momenti siano solo per te e per la piccoletta, perchè  vuoi, per una volta, non avere fretta e non dover dire "veloce, è tardi, cammina in fretta", perchè è estate ed è giusto che il tempo scorra più lentamente e che te la prenda con più calma ( e perchè la pressione è così bassa a fine giornata che non riusciresti a fare diversamente).

Ok, ho terminato con il quadro disastrato: moglie single con figlia a carico.
Lo ammetto, a volte non è facile. La normalità vuole che le cose vadano diversamente. Le famiglie normali programmano le ferie in sincrono, partono "in gruppo", si dividono i pesi...almeno così funziona nella mia immaginazione. Noi viviamo alla giornata (o per lo meno mi sforzo di farlo), per cui gli imprevisti sono più facilmente accettabili, le sorprese sono ancor più sorprendenti. Una sera trascorsa in famiglia ha un sapore diverso, un'uscita è speciale, una vacanza, poi, è sensazionale!
Per cui, riflettendoci, insostenibile ci sta, leggerezza ci sta, estate ci sta...ci sta tutto!

*Questo blog partecipa a blogstorming.

giovedì 2 agosto 2012

sconclu....

sono una persona sconclusionata.
nel giro di pochi minuti ho pensato 100 cose diverse e fatto altrettanto. Ho pensato che:
- ho un frigorifero vuoto: devo comprare carne, frutta, biscotti per la colazione, fare il sorbetto al limone 'chè c'ho il frigo pieno di limoni ma non mi decido a sfruttarli-
- sembro una che non ascolta. Mi sa che lo dicevano anche i professori...o l'ho sempre pensato io...no, no! me l'ha detto una volta, tempo fa, una persona...ricordo che ci rimasi ma-li-ssi-mo (lo so che la divisione in sillabe non è corretta, ma se avessimo rispettato la grammatica, non avrei avuto lo stesso effetto sonoro). E da allora mi sforzo di avere un'espressione d'ascolto intelligente...non so se ci sono mai riuscita...lo giuro...io ASCOLTO OGNI SINGOLA PAROLA! anche se può non sembrare, presto attenzione a tutto! che ci posso fare se poi trasmetto apatia?
- devo portare a termine due progetti, uno abbastanza lungo, e in pochissimo tempo!!!!
- mio marito non l'ho ancora sentito...albano me l'ha rapito!!! (leggi dopo)
- ieri (o il giorno prima?) avevo cominciato un post, rimasto nella cartella bozze...non avrà più l'anima che volevo infondergli, ma ve lo beccherete ugualmente...ecco qua.
Martedì sera io e la nana ci siamo concesse una serata fuori casa. Il papà-marito è fuori per lavoro (mo' ve lo dico....in una masseria di cellino san marco, il paese di...tada...al bano, o albano carrisi. Ci sarà uno spettacolo domani sera con artisti del "calibro" di malgioglio, mara venier, giletti, checco zalone, etc.etc.etc., e lui è stato messo in cattura, coi suoi colleghi). Io e Marta avevamo programmato una serata per noi, solo che mi ero dimenticata fosse l'anniversario dei nonni materni, per cui siamo state raggiunte dall'allegra famiglia...mi spiace, sono stata rapita dagli spettacoli (ora vi racconto), per cui non ho dato molta retta ai miei...perdonatemi. Riflettendoci, ieri sera mi sono sentita molto l'adolescente insofferente di qualche (tanto) anno fa, quando non resistevo più di un minuto ferma, con loro, in un posto...ieri sera son stata così...c'era così tanto in giro che volevo scappare da una parte all'altra, da sola...di nuovo perdono...ma certe occasioni capitano una volta all'anno (è vero, anche un anniversario capita una volta all'anno...vabbe').
Martedì c'è stata in città la notte bianca dei bambini, una serie di spettacoli, racconti animati, musica, giocoleria, ludobus, laboratori che si snodavano sulla muraglia, a Bari vecchia...orde di nani impazziti, con genitori a seguito. Erano loro che inseguivano i figli (eravamo noi...un po' mi ci metto in mezzo), loro, con ansia a mille per paura di perderli, loro che si sono imbarcati in questa avventura notturna decidendo di fare da accompagnatori non solo ai propri, ma anche a figli di altri...e così vedevi mamme in preda all'agitazione che ne acchiappavano due alla volta, mentre con gli occhi non si lasciavano sfuggire il resto della compagnia. Ho visto un paio di papà che rasentavano la disperazione...
Per il vento e per l'orario (sapete, la miss la mattina si deve alzare presto per andare dai nonni), non ci siamo fermate fino alla fine, ma è stato bello ugualmente. Io ho dimenticato a casa la mia macchina fotografica, avrei voluto immortalare i vari set, documentare il tutto...e nulla, nemmeno disegni, non ho molto tempo 'sti giorni.
E' stata l'occasione per incontrarsi con amiche pure loro affigliate, vedere gente che non conosci da persona, ma le vedi da sempre...notare i cambiamenti in ciascuno, godere della serata all'aria aperta, riempirsi gli occhi. 
Brava, città!

ah, ecco! un'altra cosa che ho pensato: devo RINGRAZIARE MONICA-SMEMOMAMMA per i due premi. Uno l'ho già ricevuto, il secondo me lo prendo volentieri e quanto prima lo rilancio!!!

Ultimissima cosa. 
Oggi mi è arrivato via posta l'invito del matrimonio di una mia amica...emozione!!! per lei, indubbiamente (ma lo sapevo già, non è stata una sorpresa) e nel vedere il mio lavoro stampato. Un po' di auto-promozione :-P




Domande che richiedono preparazione

Dopo " da dove escono i bambini " siamo passati a " perché siamo fatti così? " (non è che esiste una puntata di Sia...