Passa ai contenuti principali

la processione


Siamo in ritardo...Natale è passato...oggi è 31...volevo raccontare comunque del nostro momento tradizionale.
Quando ero piccola era usanza trascorrere la sera del 24 dicembre a casa dei nonni paterni: noi (mamma papà e tre sorelle) e i due nonni. Solo noi (per conflitti religiosi, l'altro fratello di mamma con la sua famiglia non era dei nostri).
E allo scoccare della mezzanotte, o quasi, si faceva nascere Gesù: tutti in processione, le piccole avanti con la statuina, il nonno con la candela, il resto in coda. Siamo cresciute e abbiamo cominciato a non veder di buon occhio il rituale, ma per far contenti i nonni non ci siamo mai sottratte. Noi sorelle grandi, in coda alla processione, "sdrammatizzando" l'evento. Passano altri anni, si comincia a festeggiare la vigilia con i parenti di papà, più legati alle "tredici portate a tavola e al menù di pesce" che ai festeggiamenti per la fine della gravidanza di Maria.
Ora, ho una famiglia mia, io Francesco e Marta. Ora la processione si rifà, da noi. E anche se abbiamo canticchiato un "tu scendi dalle stelle" versione valzer-reggae, anche se col sorrisino sulle labbra, abbiamo accompagnato la nostra mini-donna in giro per la casa, osservando con tenerezza la sua emozione nel tenere tra le mani la statuina e nell'adagiarla sulla paglia.
Quindi, con ritardo, BUON NATALE a tutti voi!
E già che ci siamo, che possiate trascorrere serenamente questa serata!
A domani per nuovi auguri.


P.S.: Questo post partecipa al blogstorming





Commenti

  1. Auguri!!!
    Anche io mi ritrovo spesso a fare cose che in adolescenza "rifiutavo" invece adesso, con i bambini si riscoprono i valori della famiglia che abbiamo radicati nel cuore.
    Buon anno!

    RispondiElimina
  2. Buon anno con la vostra tradizione ;D!

    RispondiElimina
  3. Auguri cara Gab!! Dalla tua terra meravigliosa!! Quest anno la processione l abbiamo fatta anche noi;-))

    RispondiElimina
  4. Buon anno a voi donne!!!sto leggendo pochissimo 'sti giorni...ho cercato di tralasciare un po' il pc perchè la nanetta mi ha trovato spesso incollata al monitor quest'ultimo periodo (per lavoro).
    Un abbraccio virtuale tutte!!!

    RispondiElimina
  5. tanti auguro anche a te... l'avevo sentito, della tradizione della processione con le candele e la statua di gesù, ma da noi si cantava l'"ave maria del ceppo" e si aspettava sopra le scale la giusta dose di regali dopo qualche magra portata di arance e noci... :-)
    buonissimo 2013 anche a te!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma guarda, mai sentita questa tradizione! buona giornata!!!

      Elimina
  6. In ritardo, ma tantissimi auguri anche a te!

    RispondiElimina
  7. Bellissima tradizione, molto dolce per la tua bimba :) auguri di buon anno!

    RispondiElimina
  8. I nonni materni ^_^ meno male che con gesù bambino non ha usato gli stessi modi con cui tratta zio beppe!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che centra...gesù bambino è così nano...zio beppe è così...grande e maltrattabile, eheh!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva