Passa ai contenuti principali

futuro 2

la foto è venuta malissimo...non so se rende l'idea...a proposito di idee, eheh! insomma, per dire che, leggendo qua e là, molte-molti sono rientrati dalla pausa estiva carichi di buoni propositi,progetti mentali e non solo, cambiamenti, entusiasmi...e tutto ciò è fantastico, io gioisco per-con voi.
Ma...ma...uffa, il mio cervello è una fucina...sta producendo idee, illuminazioni grandiose (ehi, sono veramente grandiose :-D), progetti...ma...accipicchia (leggeteci l'esclamazione che preferite), come faccio a trasformare queste formule della mia testa, questo ammasso di pensieri, in un PROGETTO che ha una sua consistenza materiale? come diamine faccio? mi guardo intorno...ho trovato un finanziamento per giovani disoccupati (io che non prendo lo stipendio da 5 mesi, però, non sono da annoverare tra questi), al di sotto dei 33 anni....'azz! i 35 sono una brutta razza; dai 35 in poi, ogni cosa che trovi, è solo per i più giovani di 35 anni. E sì, perchè almeno un paio di queste elucubrazioni della mia testa richiedono un capitale di partenza. 
Durante queste vacanze, o meglio prima di questa pausa lavorativa, mi ripetevo che avrei reso fruttuosissimi per la mia onorata carriera i giorni, o per lo meno le pause sonno di Marta, ma poi...che volete, la stanchezza era tanta, il desiderio di oziare, di stare con Marta, di andare in giro, altrettanto imponente, per cui...niente, ni-en-te (lo so che la divisione in sillabe è sbagliata)!
Cioè, ho prodotto qualcosa (e a breve spero di potervi mostrare 'sti lavori), ma non sono riuscita a costruire un cambiamento efficace per uscire da questa situazione lavorativa che sta prendendo sempre più una piega nauseante.
E se...e se...e se tutte le proposte piccole arrivatemi in questi ultimi mesi (per lo più gratuite, ma anche per mia volontà), altro non fossero che uno stimolo a mettere da parte quello che ho, per un futuro nuovo? se lette da questo punto di vista, allora non mi resta altro tempo da perdere! se mi fermo a ragionarci su, non so ancora quale dei due piatti della bilancia pesi di più: un lavoro mal retribuito e sbatte "stratificante", o un entusiasmo creativo produttivo che può aprirmi nuove strade...in entrambi i casi,  non so proprio a cosa porterebbero ciascuna delle due decisioni, per cui....

Commenti

  1. Sembra che tu mi abbia letto nel pensiero....hai descritto, punto per punto, quello che mi passa per la testa, compreso la necessità di riflettere e, possibilmente, concretizzare, durante la pausa estiva. Mi sento come un palloncino che deve esplodere ma ahimè io di anni ne ho 38!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dai, 38....35...comunque veniamo snobbate.
      spero che i nostri palloncini esplodano nell'ora e nel posto giusto!!!:-)

      Elimina
  2. credo che sia l'effetto rientro. magari non pensarci troppo x 24 ore e poi vedrai che il giorno dopo sarà tutto più chiaro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ok, ora respiro...prendo fiato...cercare di non pensarci...effettivamente...cerco di far bene quello che ho tra le mani ora...poi vedremo. ;-)

      Elimina
  3. Boooh ;D! Non so cosa dirti...
    Forse l'entusiasmo creativo produttivo con ipotetica apertura di nuove strade è più divertente, ma se pochi "fondi" sono meglio di niente allora è meglio la prima.
    Sono stata mooolto utile vero ;D!?
    Un abbraccio forte e incrocio le dita per te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheh, grazie lo stesso. Sei stata la mia parte razionale..:-)

      Elimina
  4. Io penso che qualsiasi cosa possa essere utile, in termini di esperienza, di opportunità (da cosa nasce cosa), di creatività.
    Non lasciare niente indietro e... in bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! sì, sto cercando di non farmi scappare nulla...è solo dura (per mancanza di tempo), a volte, ma ce la faremo!

      Elimina
  5. al di là che ti auguro di trovare la giusta strada, sai che c'è?
    che a me sta sulle palle che sei "giovane" e ritenuta lavorativamente "sfruttabile" solo se non hai superato i 35.

    mi fa incavolare di brutto.

    (già, anche io ho appena passato i 35)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheh...sì, dai, vediamola così, sotto i 35 pensano di poterti sfruttare, per cui...w gli over 35! :-)

      Elimina
  6. Mamma mia come ti capisco..io un lavoro ce l'ho anche se a volte vorrei non averlo...anche io ho tanti progetti ma le certezze sono talmente poche che per il momento sono soltanto sogni...forse, essendo nella tua situazione del tanto nn ho niente da perdere fai bene a buttarti a capofitto nelle tue idee,magari qualcuna abbocca!!buona fortuna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie ilaria! ma le tue borse sono l'Hobby o il "lavoro serio"? :-)
      p.s.: rinnovo i complimenti!

      Elimina
  7. eh già, sembra che se smetti di essere giovane non hai più idee né bisogno di mangiare.. ed a 45 anni, ho smesso da un pezzo di essere giovane...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mannegg'...quindi da quello che sto capendo non è solo la mia regione che tende a dare una mano ai giovani...che poi, io, giovane mi sento ancora, ma lo spirito non viene preso in considerazione sui bandi pubblici...

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva