Passa ai contenuti principali

max


Ogni concerto ha questi effetti su Marta.
Sabato sera l'ho portata al concerto di Max Gazzè. Vi risparmio il racconto dell'attesa (sapevamo che l'orario era 21,30, invece tutto ha avuto inizio alle ore 22,45), con lo scontatissimo "la pipì! la pipì!" proprio quando avevano spento le luci in piazza (e noi ci eravamo sistemate davanti....hmmmm.....). Tralascio anche la descrizione del nostro accampamento (nel pieno della folla, io Marta e passeggino...beh sì, era chiuso), sotto le casse...eccola eccola, è lei! la S.M.S. (per chi non conoscesse la sigla, dovrebbe leggersi un post di qualche mese fa)!!! ma non è di questo che volevo parlare. 
Per tutta la durata del concerto - in realtà siamo andate via prima che finisse, trascinandomi tra la gente la nana e il passeggino...grazie, grazie ascoltatore gazzeniano che hai avuto pietà di noi e ci hai aiutate a uscire dalla massa! - dicevo...per tutta la durata del concerto Marta ha incarnato la spettatrice-fan ideale: esultava, batteva le mani, sventolava il palloncino che avevano distribuito all'inizio per questa canzone qui, fingeva di cantare muovendo le labbra. Uno spasso. Per me è stata una parte importante della performance di Gazzè. "guardala Max! la vuoi in tour con te tra qualche anno?"....ehmmm...
Di questa passione musicale non so se essere contenta...speravo in una carriera brillante, o per lo meno più redditizia di quella dei suoi genitori...e invece credo seguirà le orme del padre. L'arte figurativa non la digerisce molto: le abbiamo comprato colori di diverso tipo, tra cui quelli da usare con le dita, ma nulla! la miss non ama sporcarsi. Qualche minuto e poi scappa. Inutili i miei tentativi di disegnare accanto a lei, in modo da stimolare almeno un po' di curiosità...niente.
Con la musica è tutta un'altra storia: è attratta da tutto ciò che fa "rumore" (ehi, per i futuristi anche il rumore era musica, no?), improvvisa canzonette, canta, suona...e se deve scegliere tra una rivista da donna e una musicale (in bagno ne abbiamo decine e decine, soprattutto di quelle specifiche del settore...roba alta insomma!), lei opta per quella musicale, in inglese, quella con tante manopole, microfoni, casse, ecc., senza altre illustrazioni, dai colori monotoni...lei ora ha scelto, lei gira le monopole, controlla i volumi, suona la batteria, le maracas e la chitarra, non distingue ancora un violino da un contrabbasso, ma sa che sono parenti, ama stare dietro le quinte, a spiare il papà al mixer e gli artisti sul palco.
Eccola, Marta



p.s.: no, non è il concerto di Max...è il soundcheck della rimbamband



Commenti

  1. puoi sempre sperare con il secondo! :) che bello vedere come iniziano a formarsi le passioni :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un secondo magari prenderà dalla mamma...mi sa che bisognerà tentare con un terzo...ahahah!!! se mi sentisse il padre....:-)

      Elimina
  2. è bellissimo veder crescere un bambino....e scoprire come puntualmente le sue passioni sono ALTRO da ogni aspettativa dei genitori...ihihihi! ^___^ W MARTA!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti...altro da quello che ci aspettiamo, ma le stesse che gli abbiamo trasmesso...che ci vuoi fare, i geni sono quelli!:-)

      Elimina
  3. Artista non per caso sicuramente ;D!
    Che bello due genitori appassionati di arte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti...ce la siamo cercata ;-)

      Elimina
  4. no, no, NOOOO.... hai tutta la mia più completa, assoluta e verdissima invidia!!!! è da anni che voglio andare a un concerto di max gazzè!!!!! la prossima volta mi ci porti? daidaidai... prometto che non dico "pipì" quando si spengono le luci e posso anche fare a meno del passeggino...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. va bene, ti ci porto...ma mi prometti di fingere di sapere tutte le canzoni? ...che poi magari tu le sai davvero...eheh! comunque grazie alla sagra della cipolla sono riuscita a risentirlo (e rivederlo)!!!ma dalle tue parti passerà?

      Elimina
    2. no, dai, la sagra della cipolla e max insieme è troppo.... sarebbe la serata perfetta!!! (se non che dovrei tenere la bocca chiusa invece di cantare le canzoni... che io le sappia a memoria o meno! ) :-P
      da noi, il posto più vicino sarebbe firenze, dove sicuramente passa... ma sinceramente non c'ho mai guardato... l'ultimo concerto a cui sono stata era quello di caparezza e non era un posto dove si poteva portare un bambino!! :-D

      Elimina
    3. noi a caparezza ci stavamo portando la nana solo perchè mio marito, che è stato in tour con lui, conosceva un po' di tecnici e avremmo avuto un posto un po' più riguardato...alla fine abbiamo preferito lasciarla a casa, e goderci il caos, tra la folla.

      Elimina
  5. Gabriella, complimentissimi!
    E' un vero e sano relax leggere le tue esperienze di vita così genuine, come bere un bicchiere di latte di alta montagna!
    Non solo hai l'arte del disegno, ma anche dello scrivere, del saper narrare con freschezza e semplicità la tua vita di mamma e di donna. Complimenti davvero e grazie di queste "perle" che condividi!

    RispondiElimina
  6. Beh, che brava a restare al concerto fino a tardi! La mia avrebbe fatto scappare tutti a forza di capricci! Anche io ho sentito Max Gazzé, 1000 anni fa, e proprio in Puglia, a Torre Pali, sulla spiaggia, bellissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se torni in puglia, quest'estate mi sa che un'altra tappa la farà, i primi di agosto!!! non sono una super fan, di quelle che sanno tutta la vita e le canzoni, ma trovo la sua musica molto piacevole, e lui mi ispira un sacco come artista e persona!

      Elimina
  7. Anche a Michy piace tanto la musica dal vivo e ballare!! Peccato che a Trani non facciano niente...:-(( un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehi, ma bari dista pochi km da bari! se vuoi ti mando il calendario dei concerti della tua zona!!!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva