sabato 14 luglio 2012

allenare la pazienza

Situazione 1.
giovedì pomeriggio: sala d'attesa del ginecologo (dopo la LILT, ho deciso di tornare da lui...quello che mi ha seguita durante la gravidanza): devo fargli vedere i risultati di alcune analisi...nel momento in cui mi sono seduta, il mio cervello ha cominciato a galoppare, i battiti aumentavano, l'ansia li accompagnava alla grande. Io, all'esterno, donna apparentemente tranquilla e serena. A volte sono bravissima a non far trasparire nulla. Ero impaziente di sentire la sua voce (sperando fosse rassicurante); e quando l'ho sentita, ho avvertito il bisogno di arrivare presto alla conclusione...insomma, impaziente! 

Situazione 2.
Chi mi conosce bene, sa perfettamente che io e i denti non godiamo di buoni rapporti...o meglio, io e il dentifricio.
Calma!!!!!!!!
Lo spazzolino lo uso abitualmente, tre o più volte al giorno (spazzolino corredato di "pasta alla menta").
Chi mi conosce bene sa che non amo essere guardata mentre mi lavo i denti.
Chi mi conosce bene sa che non amo guardare chi si lava i denti.
Chi mi conosce bene sa che non amo guardarmi allo specchio mentre mi lavo i denti.
Chi mi conosce bene sa che non amo guardare la gente che mentre si lava i denti va a spasso per la casa.
Chi mi conosce bene sa che non gradisco che ci si lavi i denti in lavandini che non sono quello del bagno.
Chi mi conosce bene sa che non sopporto parlare mentre mi lavo i denti (da me udirete solo mugugni, ma per favore...non porgetemi domande!).
Chi mi conosce bene sa che non mi piace ascoltare chi parla mentre si lava i denti.
Da quando c'è Marta, la privacy in bagno è un'optional*. Qualunque cosa tu stai facendo, lei c'è (solo Francesco riesce a sfuggirle...).
Per cui, se mi lavo i denti, lei è con me. E ora che ha imparato ad arrampicarsi, lei è accanto a me, si piega con me, mi osserva, mi vuole aiutare...
In più ora anche lei si lava i denti: ha due anni, necessita della presenza di uno di noi mentre lo fa, di uno che le spazzoli i dentini. Lei si lava i denti con il dentifricio per bambini, quello alla fragola. Marta adora il suo dentifricio; se lo mangia lei, il dentifricio. Io...io...io cerco di concentrarmi sui suoi occhietti, quando posso delego al papà, ma poichè lui non c'è quasi mai, tocca a me...BLEACHT!!! (scusami Marta, un giorno riuscirò a spiegartelo). Ce la faccio, resisto, ma vorrei che questo momento terminasse il prima possibile.


Ora mi chiedo: quali sono le situazioni in cui allenate la vostra pazienza? 


*optional è una parola maschile o femminile?

12 commenti:

  1. La mia pazienza l'alleno quando viene quella mia parente strettissima, che sputa solo veleno.
    Ce ne vuole molta per non restituirglielo e con gli interessi!

    RispondiElimina
  2. io in due momenti: quando lui torna dall'ufficio tardissimo e mi dice "vado un attimo in bagno" e riemerge dopo mezz'ora (e anche lui riesce a sfuggire a Guia non si sa come), e poi, ovviamente, quando viene a trovarci lei...mia suocera...:-)

    RispondiElimina
  3. Io la alleno quando Deddè urla come un matto e credimi urla anche se qualcuno gli soffia addosso :( certe volte non riesco a resistere dall'arrabbiarmi è dura! I nostri figli sono una vera palestra!!

    RispondiElimina
  4. Dipende dal momento che sto vivendo. Ci sono periodi in cui la pazienza è sconfinata, altre invece che non ce n'è per nessuno (e quando dico nessuno è proprio nessuno!).

    RispondiElimina
  5. Con i duenni la pazienza si allena sempre....soprattutto qua do sei con loro h24!!! Ogni tanto mi viene voglia di prendere il PRI o treno e sparire per un po'......

    RispondiElimina
  6. donne, grazie per i contributi! io logicamente ho descritto solo due situazioni, ma ce ne sarebbero un'infinità!!! (soprattutto casi di "pazienza-spazienza")

    RispondiElimina
  7. ho appena finito l'allenamento: addormentarlo di pomeriggio sentendosi dire "mamma via", con tanto di dito puntato contro la porta, e poi richiamare indietro perchè - madre degenere - sei andata via davvero.
    per 4 volte.
    ora vado a farmi una doccia... :-)

    RispondiElimina
  8. Pazienza? What is "pazienza"?
    Scherzi a parte, vivere con 3 gnome che insieme fanno 13 anni in tutto, e un Papozzo (che, seppur bravissimo, in quanto uomo, ha 2 neuroni, suo malgrado...) è un ottimo allenamento per la pazienza. Ma a volte spazienzio!!

    RispondiElimina
  9. bellissima sta fissazione dei denti! io ce l'ho per la pulizia delle orecchie! lol...
    povera mi immagino la scena mentre devi aiutarla a lavarsi i denti, chissà magari sarà lei a farti vincere questa fissa!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...non so...la vedo dura...tanto prima o poi sarà autonoma anche in questo e io sarò libera di non essere paziente! :-)

      Elimina
  10. Grazie a Lucia di "ma la notte no" ti ho scoperta ed è stata veramente una bella scoperta!! Blog super!! Piacere di conoscerti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille!!! ora vado a "sbirciare" il tuo blog! a presto!!!:-)

      Elimina

Riempirsi di bellezza

Io dico che abbiamo bisogno di fare cose belle , di riempirci di bellezza , di sottoporci a "pratiche positive", di respirare ari...