Passa ai contenuti principali

varie ed eventuali

ci sono intercalari di cui facciamo un uso spropositato, e ce ne rendiamo conto soltanto quando qualcuno (i nostri figli, giusto per fare il primo esempio che mi viene in mente) comincia a ripeterli, anche piuttosto correttamente, quotidianamente.
Marta: "mo' lo prendo!....e che cacchio! madooooooo....che bello!".
Ed è allora che pensi "mo', cacchio, devo stare più attenta! per fortuna è cacchio e non...!"

Il vero post odierno è questo: gli aiellos come li vedete raramente:

Domenica, giornata di battesimo. All'inizio la notizia ci ha resi felici, ma ci ha anche lasciati perplessi...il battesimo del nuovo arrivato Franceschino si sarebbe tenuto in un paese a poco meno di 100 km dalla nostra città. Vabbe', e che problema c'é? ci si alza un po' prima e si parteeee! sì, ma non è finita: il rito del battesimo in un monastero all'ingresso del paese, la celebrazione della messa in un'altra chiesa in paese, i festeggiamenti sulla strada del ritorno...ok, si può fare (come dice il nuovo beniamino di Marta, agente OSO - che io odio)!
Siamo partiti in ritardo, ma siamo arrivati puntualissimi: la strada era scorrevole, nonostante fosse una domenica di giugno (qui giugno è come agosto in una normalissima città del nord...per cui prevedevamo code e code dirette al mare...previsione non azzeccata). E noi...bellissimi! :-)
Ogni tanto ci vuole, un po' di sana autostima fa sempre bene, ogni tanto però (gab, non esagerare). Per una che va SEMPRE in giro in scarpe da ginnastica o sandali raso terra, con pantaloni larghi (e comodissimi!!!), o al massimo short e raramente gonne, un pizzico di eleganza non guasta. Idem per marito (non vi aspetterete di vedere un fonico, in postazione lavoro, con giacca e cravatta, vero?) e figlia (che, avendo l'età giusta per giocare e buttarsi per terra, sporcarsi perchè non sopporta il bavaglino e gustare i cibi con le mani, indossa sempre pantaloncini, magliette e scarpe sportive).
Parentesi stile a parte, la giornata è stata...speciale!
7 famiglie, tutte con nani a seguito coetanei.
7 famiglie che si conoscono dall'età della pietra.
7 famiglie che hanno condiviso tanto, chi più chi meno.
7 famiglie con 7 lavori diversissimi, ma con le solite insoddisfazioni.
7 famiglie con gli stessi desideri di una vita migliore.
...è stata una giornata in famiglia!
Da ripetere.
L'unica cosa che preferirei non si ripetesse è la febbre di Marta, quella che le è venuta la notte; febbre e tonsillite, che ci stanno facendo restare in casa da lunedì. Marta sta meglio, la febbre è sparita, ha ripreso a mangiare con appetito. Ma preferisco non farla uscire...domani...vedremo!
Riflettevo sul binomio malattia-egoismo. Premetto che vedere la mia donnina abbacchiata, con gli occhietti a pesce, che cammina trascinandosi, che gioca con movimenti rallentati, che suda e trema non mi fa affatto stare bene. Però...forse scandalizzerò qualcuno, forse qualcun'altro mi darà ragione...accanto allo stare male c'è sempre una punta di egoismo: una febbre ti scombussola i piani, sia che attacchi te, sia che colpisca una persona della tua famiglia. E' brutto da dire: in queste situazioni dovresti essere al 100% a disposizione del malaticcio, eppure...quando la notte di domenica sono andata da Marta, che mi chiamava dalla sua stanzetta...nel momento in cui ho avvertito uno strano calore a contatto con il suo corpo, appurato che "no, non è sudore, ma 38 1/2 di febbre"...a raffica i pensieri sono stati" e ora che faccio? domani devo andare a lavoro, fra'deve andare a lavoro, non posso assentarmi, ho già preso due giorni di ferie, adesso che penseranno, che sono una scansafatiche?  i nonni potranno venire? e la zia? ma fino a che ora?vabbe',vado,torno a pranzo ed è fatta...però sempre io, francesco sicuramente non si può prendere un giorno di ferie..." insomma, pensieri rivolti all'organizzazione del giorno dopo e del lavoro...del lavoro, c***o!!! manco lavorassi in un pronto soccorso! manco facessi il medico! manco avessi degli appuntamenti importantissimi, manco..."o la vita o la morte"!!! e così da brava donna che si fa prendere dai sensi di colpa, mi sono precipitata a lavoro (perchè per fortuna i nonni c'erano), abbandonando a casa una nana con 39 di febbre, e lavorando in lacrime, in preda alla S.M.S.*
V***************************************** a questo lavoro! ma soprattutto a me, e al mio senso di responsabilità verso le cose sbagliate...che poi, solo ieri abbiamo avuto lo stipendio di febbraio....capite allora perchè il senso di responsabilità deve andare a farsi friggere?
Stop.


P.S.:aggiornamento spannolinamento....E' FATTA!!! tutto procede a meraviglia! marta ci avvisa per tempo, ha imparato!!! lei è più fresca e c'è un risparmio economico. Prossimo obiettivo: toglierglielo la notte, ma tutto sommato non c'è poi così tanta fretta...:-)






*sindrome da madre snaturata




Commenti

  1. La, S.M.S.,la conosco benissimo!!!!
    Ma...anche gli orecchini? ...che brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheh, orecchini per la gioia di marta, che ama tanto questi gingillini così femminili!
      e...pieno appoggio per la tua s.m.s.
      P.S.:grazie per il premio, vedrò di "assolvere i miei doveri" il prima possibile! un bacio!

      Elimina
  2. i tuoi racconti da SUPER-mamma mi divertono tanto (io ancora non lo sono!)...nessuna ansia e paura da SMS, sei "solo" Donna-Mamma-Lavoratrice-Casalinga-Figlia...etc etc...non sempre si riesce a far tutto al 100%. Sorrisi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...grazie mille piccikka! :-)))

      Elimina
  3. Ah, come capisco i tuoi pensieri sul lavoro e la tua S.M.S.!!!
    Comunque, vedendo la tua illustrazione, oggi più che mai...I love Aiellos!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo so...quando leggo i tuoi post mi rincuoro.
      gli aiellos ringraziano per l'affetto dichiarato loro!:-)))

      Elimina
  4. la vedi, qui accanto a me, che mi fa compagnia mentre sto qui al pc a leggere il tuo post? è proprio lei... la SMS!!! la odio!!!!! grrr...
    ps. viva l'autostima (a dosi moderate)... anche noi sabato scorso siamo andati a un matrimonio e io per fare la figa mi sono pure messa gli stivali sotto il vestito... per poco non collasso per il caldo che mi veniva su dai piedi, ma vuoi mettere?!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...la classe non è acqua! e ancora, se bella vuoi apparire, un po' devi soffrire! :-)

      Elimina
  5. Mi ritrovo perfettamente in questa s.m.s. E ho una voglia enorme di un lavoro che ti dia almeno qualche soddisfazione e che si meriti quel senso di responsabilità a volte esagerato. Bisognerebbe cambiare prima di tutto la nostra testa se vogliamo che si ridefiniscano le priorità. Perché sembra tutto sempre così urgente e a volte invece non lo è. Scusa, ma mi parte l'embolo quando parlo di queste cose. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e io...le condivido pienamente! mi sembra di sentire me..;-)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva